Acqua alta: il Comune l’ha gestita bene questa emergenza?
Proclami, ammissioni, picchi continui sopra i 120 cm, assemblee e manifestazioni. Ma rischiamo di perdere una questione importante:
il coordinamento della protezione civile da parte del sindaco, che ne è il responsabile per il territorio che amministra, è stato praticamente inesistente.
La gente sui social girava spontaneamente un coordinamento di aiuti. Il sito del Comune non diceva nulla. Elettricisti volontari hanno rimesso in piedi case e negozi, dando su fb precauzioni per evitare nuovi danni da acqua alta. Il canale Telegram del Comune invece riportava programmi di conferenze.
Un coordinamento ufficiale sarebbe stato utile e sarebbe dovuto discendere dal Sindaco, in quanto responsabile per la protezione civile. E sarebbe servita più protezione civile, tutelata da legge e assicurazioni nelle sue mansioni.
Esiste un piano emergenza per l’acqua alta? Dallo scorso novembre, con quei 160 cm di danni e forti disagi, sembra non essere stato messo a punto.
Sono state mappate le situazioni di disagio ai piani terra? Quanti sono gli anziani o disabili? Sono stati raggiunti? Sono stati verificati impianti e situazioni critiche? Cosa faranno le persone tuttora sfollate?
La città si è ripulita grazie agli straordinari della Veritas e al volontariato di barche private, il Comune non ha dato nessuna indicazione per lo smaltimento.
Serviva un blocco degli arrivi il 13 novembre. Per non lasciare che i barconi turistici facessero onde direttamente dentro ai locali allagati sul canale, ma anche per l’incolumità degli stessi visitatori e per rispetto verso una città in sofferenza.
Ci siamo riscoperti comunità ma ci sentiamo in balìa degli eventi.
Apprezziamo che anche il Sindaco che voleva scavare altri canali cominci ad accettare l’idea che serve altro oltre al Mose per proteggere i cittadini dall’acqua alta, ma appunto serve proteggerli i cittadini.
Non si risolve tutto con gli steward a Carnevale, anzi. Forse sarebbe più utile spendere soldi per direzionare meglio i flussi e gestire le crisi a monte.
E voi un po’ più a freddo che ne pensate, vedete qualche spiraglio? Scriveteci nei commenti!

cosa ne pensi?

All rights reserved Salient.