Referendum, che dire? Un’Altra Città Possibile ha a cuore le sorti dell’intera area del Comune, fra laguna e terraferma. Il nostro laboratorio ha trattato questo importante e sentito tema nel tavolo “Partecipazione e decentramento amministrativo” organizzando degli incontri pubblici.
Spoiler: non abbiamo preso posizione per il sì o il no! Perchè crediamo che molte questioni di questo nostro territorio variegato richiedano un’azione amministrativa a più livelli, meno centralizzata e decisionista. Questa centralizzazione a favore dello Stato, della Regione e del Comune stesso, non riesce a ben rappresentare le necessità dei cittadini. Serve più partecipazione a livello locale, più informazione e trasparenza.
Da questo punto di vista poco cambia se l’amministrazione locale è una o duplice, perché serve una riforma di fondo.
Al di là del risultato, il referendum ha già messo in luce alcune questioni da cui nasce:
L’importanza degli strumenti di democrazia diretta, come il referendum, per smuovere le acque di una politica poco capace di offrire una visione per il futuro della città.
L’urgenza di una sostanziale riforma dell’amministrazione per ridefinire la distribuzione dei poteri e delle responsabilità.
La domanda di maggiore vicinanza e di servizi al cittadino, per accorciare la distanza, reale o percepita, tra amministratori e abitanti.
Ci sentiamo di dire alcune cose: come associazioni e cittadini dobbiamo sostenere i processi partecipativi nelle deliberazioni sulle questioni vitali per la comunità.
Proponiamo di promuovere l’utilizzo del referendum consultivo, valorizzare il ruolo delle consulte cittadine e avvicinare ai cittadini le assemblee rappresentative e i livelli amministrativi, meglio ancora se nella dimensione di quartiere.
L’espressione partecipata dovrebbe avere efficacia vincolante in certe materie e dovrebbe essere più frequente, parte integrante del processo decisionale.
Crediamo importante non fare del referendum una questione divisiva o di semplificazione. Serve invece dare attenzione alla richiesta che muove il referendum: quella di una maggiore rappresentazione del territorio.
Per un approfondimento vi invitiamo al link: http://bit.ly/UACP-decentramento-partecipazione dove troverete la sintesi delle proposte emerse dal laboratorio.
E voi che ne pensate di questo referendum? Scriveteci nei commenti!

cosa ne pensi?

All rights reserved Salient.